Skip to content

Bulimia Consumistica

Scrivo in italiano, e solo in italiano. Premetto che sono 4 giorni pieni (19 ore/giorno) che vedo Excel e Spss pieni di numeri e paginate di word in inglese…meglio non solo le vedo, ma entramebe le cose sto collaborando a farle crescere in qualche modo. Quindi la mia percezione della realtà è seriamente alterata..

Ok, lo so..la sto mettendo giù dura, ma dovrò trovare almeno una, anche solo una scusa per quello che mi sta capitando, per la mia bulimia consumistica che mi sta divorando da dentro. 🙂

Definisco “Bulimia Consumistica”: mentre nel mondo imperversa la crisi finanziaria, mentre Obama disfa McCain in TV sulla politica economica, mentre un caro amico che lavora in UBS dice di aver cambiato lavoro e di star facendo il pompiere e l’infermiere, io sto con Giulio (Tremonti n.d.r.) e “sto tranquillo”: mi permetto infatti di spendere i soldi di una borsa di studio (che prima o poi finirà) in articoli di dubbia utlità. E non è nemmeno come teorizza Luca, un’amico di New York, il vantaggio del cambio Euro-Dollaro che per altro sta cambiando negli ultimi mesi: per esempio il mio amico Michele non verrebbe mai in America ora con il dollaro a 1.3o…lui il suo viaggetto – e noi con lui- se lo è fatto col dollaro ad 1.60…Tutto questo delirio per dire che: sto comprando cose (consum-), preso da un raptus inspiegabilie (-mistica) e non servono a nulla e le “rigetto”(bulimia).

Ecco due esempi:

Diapositiva 1:

https://i2.wp.com/www.targus.com/us/product_images/ACP45US_accessories_b.jpg
(bambolina di ghisa per chi indovina di cosa si tratta)

Diapositiva 2:

https://i2.wp.com/www.viewpoints.com/images/review/2008/54/19/1203817539-85584_full.jpg

(bambolina di ghisa per chi indovina il gusto di questa pepsi)

Giusto per la cronaca, ho comprato (per sbaglio) una dock-in station USB, con 3 porte USB e 2 seriali…a cosa serveeee??? (la dock-in station mi serviva, ma con l’uscita video per il monitor…quindi amico lettore: se ti serve una dock.-in station per attaccare il tuo portatile ad una stamapante laser di tuo nonno, fammi sapere che il prezzo è buono). Il pomeriggio successivo (oggi pomeriggio), soddisfatto per il lavoro svolto scendo alla starbucks a prendere una pepsi…la vorrei light…per le intolleranze…la trovo.Pago.La apro. Per fortuna che ero in strada! Ho sputato tutto quello che avevo in bocca nel pachetto degli skaters proprio sotto l’ufficio, mancando un roncioso di 30 cm…PEPSI LIGHT, WILD CHERRY.

Che vita difficile.
😉

baci&abbracci

No comments yet

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: